La zona di confine

15.00

Un Friuli inchiavardato in un tempo sospeso come il responso di una condanna, odoroso, tutto scaglie di legni ancestrali e sassi scabrosi, un’occhiata appena di prati e colline tra il letto del Torre e il respiro ribelle del Tagliamento, una terra ibrida per lingue (vi si parla in accenti sloveni, carnici, friulani, carinziani, resiani) e paesaggi, modulazioni e malinconie. Dalla prefazione di Angelo Floramo

Autore: Tito Maniacco
Prefazione: Angelo Floramo
Collana: microcosmi/2
Anno: 2017
Formato: 13 x 20
Pagine: 176
ISBN: 9788899368081

Spedizione standard € 4.20
Per ordini superiori a € 20.00 la spedizione sarà gratuita 
Tutte le spedizioni avvengono tramite corriere.

Categorie: , Product ID: 1363

Descrizione

I protagonisti Andrea e Checco Ceschia, entrambi pittori, vagano ossessionati dalla ricerca del senso profondo dell’origine dell’arte e della sua ispirazione. Un’inquietudine che diventa universale ed esplora i confini del rapporto tra pittura e scrittura, in una riflessione sulle arti e sul loro significato.

Due racconti lunghi (“La figlia del re degli elfi” e “Non si sa”), ancora inediti, ambientati in un Friuli dal tempo sospeso, tra il letto del Torre e il respiro ribelle del Tagliamento. Una terra ibrida per lingue e paesaggi, in cui la natura diventa protagonista assoluta e si intreccia con i destini dei personaggi. Tito Maniaco esplora le pieghe delle “zone di confine” della nostra esistenza, attraverso vicende semplici e lineari come lo sono le fiabe e le leggende narrate dai vecchi e dai cantori.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La zona di confine”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *